27 giugno 2014

Quando il desiderio di liberta' 

ti parla da dentro, 


Cronache di uomini di Oristano che si liberano 


Salve a tutti, ve lo ricordate il patriota Luigi Zucca 
che occupo' le vigne del comune di Marrubiu abusivamente 
e riusci' ad ottenere dal sindaco un bando per la concessione 
delle vigne in comodato gratuito a tutti i cittadini 
residenti che ne avessero fatto richiesta? ecco, li 
Luigi ha salvato 10 ettari di vigna che se no sarebbero andati alle ortiche o sarebbero bruciati in qualche incendio. 

Adesso un altro nostro amico, Paolo Maleddu, 
ha deciso di liberansi, si e' presentato al 
tribunale di oristano e si e' autodenunciato 
protocollando una denuncia in 7 pagine dove 
rende noto di conoscere tutti i meccanismi fraudolenti del sistema economico, tutti i conflitti di interessi degli uomini politici e delle istituzioni, il conflitto d' interessi per cui l' italia e' iscritta come azienda commerciale nella camera di commercio internazionale di londra, e tanti altri casini. 


Paolo Maleddu: "Non pagherò più le tasse": si autodenuncia ad Agenzia Entrate

Insomma Paolo ha protocollato che dal 30 maggio non avrebbe piu' pagato nessuna tassa, non perche' voglia sfuggire ai suoi doveri di cittadino ma perche attualmente le tasse in italia sono tutte illegali. Nella denuncia di 7 pagine depositata alla cancelleria della Procura  di Oristano Maleddu dichiara di voler fare chiarezza su un sistema di creazione della moneta che e' tutta una truffa a danno dei cittadini. 

Inoltre Paolo mette le mani avanti e dichiara che di fronte a nuove e vessatorie ingiunzioni fiscali non dovute si vedra' costretto a procedere legalmente nei confronti della persona fisica che si prendera' la responsabilita' di firmare gli atti chiedendo un adeguato risarcimento per danni materiali e spirituali, passati presenti e futuri ingiustamente subiti. 
Ormai e' guerra dichiarata!

Per chi non puo' impiantare 


Per chi non puo' impiantare 

un nuovo vigneto. 

Negli scorsi post abbiamo parlato di come si puo' impiantare un nuovo vigneto
dei costi di reimpianto, delle quote di reimpianto dei vigneti
abbiamo parlato di come fare per avere la soluzione migliore al minor costo, 
e quindi impiantare un vigneto con viti ad alberello inferiore a un ettaro, 
per non pagare le quote, per avere un vigneto che vive bene senza malatie, 
eccetera. 

Adesso, per chi non ha una terra su cui investire, o da destinare 
all' impianto di un vigneto nuovo, vogliamo consigliarvi di fare 
il pergolato nel vostro cortile, se ne avete uno! 

Il pergolato e' il tipico tetto di rampicanti, che fa ombra su una 
porzione di cortile, alcuni lo fanno coi fiori, o con piante ornamentali, 
ma nella civilta' contadina era meglio farlo con l' uva, 
che aveva una sua funzione molto piu' utile. 



Le viti, le barbatelle, vanno piantate vicino alle pareti, nel cortile, 
necessitano anch' esse di un buco profondo e di una rimozione della terra 
in profondita', il sesto d' impianto, cioe' la distanza fra le barbatelle 
puo' essere anche di 2,5 metri, e le si fa crescere ad un altezza superiore 
ai 2,5 metri. 

Cosi' la vite alla base ha bisogno di molta meno manutenzione, 
si ammala poco, ha a disposizione molta acqua nel giardino, necessita 
solo di potatura primaverile e sfoltimento nel periodo giusto. 
i rami aerei vanno ancorati bene per il vento o il loro peso... 
ci sono alcuni inconvenienti come i passeri e le lucertole che son ghiotte 
di frutta anch' esse sopratutto nei periodi di siccita'.




Buon reimpianto di vigeto a tutti!